Un bug nei chip Intel mette a rischio la sicurezza dei computer

Un difetto presente nei chip Intel permette agli hacker di prendere il controllo di computer e server.

Quali sono i risultati della ricerca nella sicurezza Intel?

Dopo varie ricerche sulla sicurezza, Intel ha diffuso in rete la notizia di un errore presente nei chip Intel che permetterebbe ai malintenzionati di controllare computer a distanza, o server, collegati nella rete. Ma che tipo di errore si tratta e chi colpisce sopratutto?

Da dove deriva questo errore e cosa permette di fare?

Il problema è presente da circa sette anni e permetterebbe a chiunque di prendere il controllo di computer, avendo la possibilità di modificare password e utilizzare da remoto le periferiche come mouse, tastiera e lo schermo. Il bug, che viene assegnato con il codice CVE-2017-5689, risiede nella funzione Active Management Technology, che permette di utilizzare dispositivi da remoto. Inoltre è stato affermato dai ricercatori di Embedi e di Tenable Network Security che sarebbe possibile prendere il controllo di computer bypassando il sistema di autenticazione senza avere la necessità di utilizzare un password.

L’hacker malintenzionato con accesso al nostro computer sarà in grado di:

  • Controllare da remoto il mouse, il monitor e la tastiera di un computer
  • Cambiare il dispositivo da cui si avvia il computer
  • Accendere, riavviare e spegnere un computer
  • Ripristinare un computer
Intel

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/notebook-portatile-lavoro-pc-405755/

Un errore nel sistema che mette in pericolo le aziende

Gli utenti interessati sono più di 8 mila in tutto il mondo, ma quelle maggiormente coinvolte saranno le grandi aziende come alcune università negli Stati Uniti, o società come Verizon Wireless e la Deutsche Telekom. Un esperto in informatica, Matthew Garret, spiega a Wired l’importanza della sicurezza per le aziende di tutto il mondo:

Alcune compagnie sono costrette a dover scegliere tra la possibilità di acquistare un nuovo processore e disabilitare la rete o continuare a lavorare con quella esistente, ma lasciando i dispositivi esposti alla vulnerabilità.

Quale sarà il prossimo passo di Intel?

Se le aziende possiedono un chip dove è presente questo errore di sicurezza è necessario aggiornare il firmware al più presto. Intel ha comunque già creato una patch e pronta per essere distribuita, anche se aziende come Dell, Lenovo, HP e Fujitsu rilasceranno patch solo per i loro dispositivi. Il nuovo aggiornamento risolverà del tutto la falla nel sistema? Lo scopriremo nei prossimi giorni.

Antonio Galasso

Puglia, 1998, studente di Informatica e Telecomunicazioni, amante dei videogiochi e della tecnologia.

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta

<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.