Davide Vannoni, l’arresto e il metodo Stamina

Un caso di medicina alternativa che si ostina contro scienza e legge

Davide Vannoni, ideatore del metodo Stamina, è stato arrestato il 26 aprile dai carabinieri a Torino, nella sua casa in collina. Pronto a partire per Santo Domingo, è stato fermato per pericolo di fuga. Associazione a delinquere, truffa aggravata e somministrazione di farmaci non conformi sono le accuse a suo carico. Ieri mattina alle 11:00 i P.M. hanno chiesto la convalida del fermo e la custodia in carcere. Verrà interrogato nuovamente nei prossimi giorni.

Una figura controversa, quella di Vannoni. Una laurea in Medicina mai conseguita, bensì in Semiotica. Il metodo Stamina fa parte dello scenario della medicina alternativa ed è destinato ai pazienti ritenuti senza speranza di guarigione. Secondo tale trattamento la conversione delle cellule staminali in neuroni può curare alcune malattie, specialmente quelle neurovegetative.

Procedimento che si basa sull’uso di cellule staminali che, in quanto tali, sono in grado di assumere le caratteristiche della cellula necessaria a riparare il tessuto danneggiato. L’opinione si divide: molti affermano non abbia effetti curativi, alcuni pazienti parlano di miglioramenti, la maggioranza lo dichiara una truffa.

I costi del trattamento completamente a carico del paziente raggiungono anche i 27mila euro.

Non sono bastate a fermare il comunicatore di massa Vannoni né la bocciatura del metodo da parte di due comitati scientifici, né il patteggiamento della pena nel 2015 a un anno e dieci mesi con l’impegno a rinunciare a qualsiasi iniziativa. Vannoni ha proseguito l’applicazione dell’opinabile terapia all’estero. Sono stati registrati cinquanta casi di pazienti italiani che per ricevere le infusioni sono giunti sino in Georgia, in una clinica a Tbilisi, da alcuni mesi chiusa per disposizione del governo georgiano.

L’allarme lanciato dalla rivista scientifica Nature è quello del “turismo delle staminali”, di una corsa fuori dall’Italia finalizzata al raggiungimento della pratica. Santo Domingo non rappresenta l’unica meta: Vannoni stava progettando il ripristino del trattamento anche a Cipro e in Bielorussia. Facebook, il passaparola e l’associazione Prostamina Life hanno contribuito a circuire i nuovi pazienti.

Deborah Talarico

Sono nata a Torino l'ultimo giorno d'estate del 1990 e da quando, per la prima volta, ho preso in mano una penna non ho mai smesso di scrivere. Da sempre affascinata dalle parole, sogno un futuro nel loro mondo: fra i libri, il giornalismo, la comunicazione e la filosofia. Sul blog personale deborahtalarico.wordpress.com racconto pensieri, momenti e persone.

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.