Eurolega, ai nastri di partenza le Final Four

Poche ore al via delle semifinali di Istanbul

Al Sinan Erden Dome è tutto pronto per l’atto finale dell’Eurolega. Mancano ormai poche ore alle prime Final Four della “nuova” massima competizione continentale che si annunciano più che mai equilibrate. Le prime squadre a calcare il parquet saranno il CSKA Mosca e l’Olympiakos Atene alle 17,30, seguite dal Fenerbahce di Istanbul che affronterà il Real Madrid, a caccia della decima Eurolega. Secondo i bookmaker, i favori del pronostico vengono equamente condivisi dalla squadra moscovita e dalla compagine turca seguite, a poca distanza, dal Real che ha concluso la Regular Season al primo posto. A cercare di far saltare il banco sarà l’Olympiakos che è stata costretta ad arrivare fino alla “bella” contro l’Anadolu Efes prima di approdare alle finali di Istanbul.
Aldilà di quello che possono dire cifre e statistiche registrate fino ad oggi, quali potranno essere gli uomini chiave di questa doppia sfida che porterà all’atto conclusivo di domenica sera?

Credits: euroleague.com

Ultimo ballo per Milos: sei pronto al grande salto?

Partiamo da Milos Teodosic. Il playmaker serbo sarà in cabina di regia, insieme a Nando De Colo, a guidare il “pacchetto piccoli” più talentuoso del lotto e l’intero CSKA Mosca. Molte delle speranze della squadra russa di bissare il successo della stagione scorsa passeranno delle sue mani. Le sue cifre stagionali nella massima competizione continentale (17 punti e 5,7 rimbalzi per ogni discesa sul parquet) dimostrano quanto il play nativo di Valjevo sia fondamentale per il CSKA.
Quelle di questo weekend potrebbero essere le ultime partite che Teodosic disputerà per un club del vecchio continente; giunto ai 30 anni, Teodosic sembra infatti pronto per cedere alla corte di una delle pretendenti statunitensi che da diverse stagioni sognano di portarlo in NBA. In quest’ottica, sono piuttosto esplicative le parole del GM del CSKA Mosca, Andrey Vatutin, che ha dichiarato:“Se una franchigia NBA farà un’offerta a Milos Teodosic, non sarà possibile pareggiarla”
Comunque andrà, Milos cercherà di regalare ai suoi tifosi e agli amanti del basket un ultimo ballo degno del Palazzo d’Inverno negli anni dello zar Nikola II.

credits: euroleague.com

L’MVP (Most Vassilis Player) alla conquista di Istanbul

MVP, MVP, MVP” è il canto intonato in molte arene cestistiche per il miglior giocatore della competizione (Most Valuable Player); per i tifosi dell’Olympiakos la sigla assume un significato diverso. Sì, per i biancorossi di Atene MVP corrisponde ad uno dei giocatori più vincenti della pallacanestro del nuovo millennio: Vassilis Spanoulis. Il suo palmares fin qua recita 7 campionati greci, tre Eurolega, quattro coppe di Grecia, un Campionato Europeo ed un Argento mondiale. Al termine di una delle stagioni meno esaltanti della sua carriera, dal punto di vista prettamente numerico, la guardia greca vuole regalare un ulteriore sogno ai suoi tifosi, ribaltando il pronostico prima in semifinale e, di conseguenza, in finale. Nella serie di quarti di finale contro l’Efes, Spanoulis ha elevato il suo gioco mettendo a referto oltre 15 punti (4 in più di quelli segnati mediamente in Regular Season) e tirando con quasi il 50% da oltre l’arco (quasi il doppio rispetto alla Regular Season). Il 35enne di Larissa in carriera ha dimostrato che quando la palla inizia a scottare le sue mani sono foderate di materiale ignifugo ed è probabile che alle Final Four possa spingere ancora di più sull’acceleratore, grazie anche all’aiuto di uno straordinario Giorgios Printezis.

credits: gigantes.com

Una poltrona per due: Luka Doncic e Sergio Llull

Al termine di questa stagione, per il Real Madrid è impossibile fare un solo nome chiave per le Final Four. Da una parte c’è il giocatore più “clutch” d’Europa, Sergio Llull; dall’altra lo sloveno che si candida a dominare in Europa e, chi può dirlo, negli USA, Luka Doncic. Il diciottenne sloveno ha dimostrato di disporre di una maturità da veterano, oltre  ad un potenziale tecnico che tende a infinito e, seppure il suo minutaggio venga tenuto sotto controllo da coach Laso, nelle due sfide decisive di questa Eurolega potrebbe recitare un ruolo da protagonista e, magari, da MVP delle finali. Qualora il Real portasse a casa il titolo, il primo candidato per il miglior giocatore, però, dovrebbe essere Sergio Llull. In molteplici occasioni, “Sua Maestà” Llull si è caricato la squadra sulle spalle e, grazie all’apporto di Doncic, Ayon e Randolph, ha portato a casa partite importanti che hanno consentito al Real di concludere la Regular Season al comando e di puntare concretamente alla Decima.

superfb.com

Un pizzico di azzurro: Gigi Datome

Le Final Four dell’Eurolega 2017 si tingeranno anche d’azzurro, grazie alla presenza dell’arbitro Luigi Lamonica e, soprattutto, del capitano della nazionale Gigi Datome. L’ala sarda è uno dei pezzi pregiati del Fenerbahce che, ai nastri di partenza, appare come la squadra più equilibrata delle quattro al via. L’MVP del campionato turco della scorsa stagione è uno degli elementi su cui coach Obradovic conta per dare equilibrio alla squadra nelle due metà del campo. In attacco, infatti, Datome non garantisce punteggi elevati come quelli del compagno Bogdanovic, ma offre la garanzia di puntare su di lui nei momenti che davvero contano. Dall’altra parte del parquet, spesso si trova a dover fronteggiare il giocatore più pericoloso degli avversari. Già in semifinale, infatti, potrebbe toccare a lui limitare le prestazioni del duo fenomenale Llull-Doncic. Datome e il suo Fenerbahce, inoltre, potranno beneficiare del fatto di giocare nella città di casa e di contare sull’apporto di buona parte dei 15mila che affolleranno il Sinan Erden Dome.

Gli ingredienti per una due giorni di puro godimento cestistico ci sono tutti, non ci resta che attendere le 17.30 per la palla a due tra CSKA e Olympiakos.

Enrico Ropolo

Torinese, 32enne, amante della sua città, dell'Italia, dell'Europa e del mondo. Interessi....tanti; passioni.....pure: attualità, sport, musica arte, etc. Laureato in Cooperazione Sviluppo e Mercati Transnazionale, giornalista pubblicista.

1 Commento

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.