Qualificazioni Russia 2018, l’Italia al giro di boa

Pronti, via, si riparte. Ora si fa sul serio per l’Italia e le altre 53 contendenti al volo diretto per la Russia, destinazione mondiali 2018. A scendere in campo oggi, per le qualificazioni UEFA, i gironi I, D e G, quello appunto degli azzurri di Ventura, dopo che grandi sorprese aveva preannunciato il venerdì e sabato europeo con le sconfitta della Francia e la vittoria storica di Andorra.

fonte photo: https://sports.bwin.it

L’antipasto scoppiettante del venerdì e sabato

Il cammino di ritorno verso l’accesso diretto ai prossimi mondiali era già iniziato con i fuochi d’artificio venerdì, quando erano scese in campo le prime nazionali, tra le quali spiccavano la Svezia senza Ibra e l’Olanda con ancora Sneijder. Gli svedesi affrontavano la Francia per il primato nel girone A, mentre gli orange, nello stesso girone, cercavano la vittoria per farsi sotto almeno nella lotta  al secondo posto. E’ finita con una follia di Lloris, estremo difensore francese, che nei minuti di recupero rinviava sui piedi di Toivonen e segnava dalla lunga distanza, capovolgendo l’1 a 0 messo a segno da un grandissimo gol di Giroud. 3 punti per la Svezia che significano aggancio e sorpasso proprio alla Francia per una migliore, anche se sensibile, differenza reti.

fonte photo: Goal.com

Il risultato tra Svezia e Francia ha interessato molto da vicino l’Olanda di Advocaat, che vincendo facilmente contro il modestissimo Lussemburgo, si è portato a sole 3 lunghezze dalla coppia di testa, dando via alla rincorsa al secondo posto. Nel 5 a 0 finale segnano un po’ tutti, ma soprattutto c’è spazio per l’ennesimo gol in carriera dell’immenso Sneijder, recordman per presenze con gli Oranje.

fonte photo: http://it.eurosport.com/

Dall’uomo del triplete con l’Inter all’uomo che ha recentemente infranto i sogni di triplete della Juve, ancora lui Cristiano Ronaldo, che nel girone B, accende la sfida a distanza con la Svizzera, vincendo con il suo Portogallo per 3 a 0 in casa della Lettonia. Chissà cosa avranno pensato i tifosi juventini dopo l’ennesima doppietta del Campione d’Europa in carica, fatto sta che la Svizzera dista ancora 3 punti grazie alla vittoria contro le Isole Faroe.

fonte photo: https://sports.bwin.it

L’altra partita del girone ha visto la serata storica per Andorra, che torna a vincere in una partita ufficiale ben 13 anni dopo l’ultima volta. L’eroe della serata è Rebes, l’Ungheria si allontana dal secondo posto.

fonte photo: Goal.com

Nel gruppo H si è dedotto che il giocatore del Napoli e della nazionale belga, Dries Mertens, in questo periodo della sua carriera potrebbe giocare anche tra i pali, ma il vizio del gol non lo toglierebbe mai. Sua la prima delle due reti con le quali il Belgio ha liquidato l’Estonia e consolidato il primo posto.

fonte photo: http://www.europacalcio.it

Niente reti, ma tante botte nello 0 a 0 tra Bosnia e Grecia. Autori della scazzottata iniziale i due compagni di squadra nella Roma, Dzeko e Manolas, e Grecia che con questo pareggio mantiene il secondo posto proprio a scapito della Bosnia.

fonte photo: http://www.laziopress.it

Lo spezzatino del sabato

Tante le emozioni regalate anche dallo spezzatino del sabato di qualificazioni, partendo dal pazzo pareggio nel derby britannico tra Scozia ed Inghilterra. Dopo il gol del vantaggio degli inglesi firmato al 70′ da Oxlade-Chamberlain ci saranno 3 reti in 7 minuti, dall’87′  al 93′, con prima il sorpasso Scozia con la doppia punizione di Griffiths e poi con il 2 a 2 finale messo a segno dal solito uomo della provvidenza Harry Kane.

fonte photo: http://futbolpasion.altervista.org

Gli inglesi rimangono sempre primi, ma riducono il loro vantaggio sulla Slovacchia che vince con il napoletano Marek Hamsik sul campo della Lituania. Terza la Slovenia in gol allo Stadion Stozice di Ljubljanacon un altro “italiano“, il viola Ilicic.

fonte photo: https://www.youtube.com

In serata spicca nella pronosticata goleada  per 7 a 0 della Germania ai danni del San Marino, che con questa vittoria rimane a punteggio pieno con 27 reti fatte ed una subita, il poker di Wagner e nel successo per 3 a 1 della Polonia sulla Romania la tripletta del solito Lewandowski che consente ai suoi di essere sempre più primi nel girone E.

fonte photo: http://www.goal.com

La domenica degli azzurri

Finalmente questa sera sarà la volta dell’Italia di Ventura scendere in campo. L’appuntamento è alle 20:45 alla Dacia Arena di Udine davanti a 25.000 spettatori, avversari di turno i dilettanti del Liechtenstein, fanalino di coda con 0 punti, 19 reti messe a segno ed una subita. Allora, dato per scontato il risultato della partita, l’importante per l’undici azzurro sarà fare quanti più gol è possibile in vista dello scontro a distanza con la Spagna. Attualmente le due squadre sono appaiate in prima posizione a pari punti, ma è la differenza reti a far sorridere gli uomini allenati da Julen Lopetegui, con 6 gol in più fatti e 2 in meno presi. Sarà dura colmare questo gap per Belotti ed Immobile, coppia d’attacco sulla quale fa affidamento il Ct Ventura, considerato che l’Italia nella sua storia non ha mai avuto molta dimestichezza con le goleade. Nella storia della nazionale italiana infatti non siamo mai andati oltre il 6 a 0 ed in due occasioni, nel ‘61 contro Israele e nel ’62 con la Turchia. Il basso tasso tecnico degli avversari di questa sera permette comunque a Gian Piero Ventura di poter sperimentare ancora, e allora spazio a Pellegrini del Sassuolo, con le sue quotazioni che salgono per il posto accanto a quello di De Rossi. Il modulo proposto è sempre il 4-2-4 con Buffon e Chiellini che rientrano, rispetto all’ultimo match contro l’Uruguay. Arbitrerà lo scozzese Kevin Clancy.

fonte photo: Goal.com

Occhio alla Macedonia

Intanto il Ct spagnolo Lopetegu apre gli occhi ai suoi in vista dell’incontro con la Macedonia che tanto ha fatto soffrire gli azzurri recentemente “Mi aspetto una partita dura, in cui noi dovremo rispettare il pronostico della vigilia, pur sapendo che la Macedonia ci può mettere in difficoltà. La Nazionale di Angelovski proverà ad usare tutte le armi a propria disposizione, com’è logico che sia: a partire da Ilija Nestorovski, l’attaccante su cui andranno principalmente le nostre attenzioni. In generale, comunque, sappiamo di non dover commettere gli errori del match d’andata“. Parole sante quelle dell’allenatore spagnolo che non si basa sul poker rifilato all’andata ai macedoni, ma è piuttosto memore delle sofferenze patite dai suoi sullo 0 a 0.

fonte photo: http://sport.sky.it/

Le altre partite della domenica in programma

In campo anche il girone I con la partita di cartello tra Islanda e Croazia, con questi ultimi che cercano di uscire indenni dalla trasferta di Reykjavik e mantenere così la testa della classifica. Il mister dei croati si affiderà ad un tridente tutto italiano formato da Perisic, Kalinic e Mandzukic, mentre i padroni di casa rispondono con un grande entusiasmo, che li accompagna fin dalla scorsa edizione dei Campionati Europei, durante la quale hanno raggiunto i quarti di finale. Nello stesso girone Finlandia e Ucraina si affrontano con la speranza di agguantare la posizione play-off, traguardo che sembra alla portata della squadra allenata da Andriy Shevchenko che però non sta brillando tantissimo in fase offensiva, ma è abbastanza solida e subisce un basso numero di gol. La Finlandia dal canto suo è ultima e sta attraversando un periodo profondamente negativo, vincendo solo una delle ultime diciotto gare disputate, amichevoli comprese, e, in particolare, ha perso le quattro più recenti sfide giocate nelle qualificazioni mondiali, in tre delle quali non è nemmeno riuscita a segnare. Ultima sfida in programma nel girone è quella tra Kosovo e Turchia, con i primi ad avere pochissima esperienza in ambito europeo, essendo affiliata alla Fifa e Uefa solo dal maggio del 2016 e disputando per la prima volta le qualificazioni per un’importante manifestazione internazionale. I turchi cercano quantomeno i play-off ed hanno tutte le carte in regola per compiere l’impresa, partendo proprio da questa sera.

fonte photo: http://it.errea.com

Ultimo, ma non per importanza, girone coinvolto nelle qualificazione ai prossimi mondiali è quello di Serbia e Irlanda rispettivamente impegnate con Galles e Austria. La selezione serba può avvicinarsi con discreta fiducia a questo match, visto che sta giocando un bel calcio ed è in testa al proprio girone di qualificazione, a pari punti con l’Irlanda e a +4 sul Galles, che invece dovrà fare i conti con l’assenza di Gareth Bale, che nella scorsa estate ha trascinato verso le semifinali a Euro 2016. L’Irlanda ha attualmente ottime possibilità di qualificarsi direttamente alla fase finale dei prossimi Mondiali o quantomeno di approdare ai play-off, riservati alle otto migliori seconde. L’Austria è alle prese con le assenze di Marc Janko, Marko Arnautovic, Marcel Sabitzer e tanti altri, arrivando dunque in condizioni pessime alla sfida contro l’Irlanda, che dovrebbe approfittare della situazione e mettere in difficoltà i propri avversari, facendo valere l’ottima organizzazione tattica di cui dispone.

fonte photo: http://radiogoal24.it/

Mancano ancora 366 giorni ai Mondiali del 2018, siamo al giro di boa e i giochi si iniziano a fare duri ed è proprio ora che i duri iniziano a giocare, segnare e staccare i primi biglietti per la Russia, con in testa un solo sogno, alzare la Coppa del Mondo.

Giovanni Arrotino

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.