Ogni stadio è paese. Raccattapalle costretto a lasciare il campo in lacrime

Episodi al limite della sopportazione continuano ad accadere negli stadi. Questa volta è toccato in Olanda, dove un giovanissimo raccattapalle lascia il campo in lacrime dopo essere stato preso come bersaglio di lanci di petardi e oggetti

un giovane raccattapalle è stato preso di mira durante una partita di serie B olandese.

Al trentesimo minuto della partita tra Den Bosch e Dordrecht i tifosi di casa diventano attori di uno di quegli episodi negativi che purtroppo ci ritroviamo ancora troppo spesso ad assistere durante una partita di calcio. Il ragazzino appostato sotto le tribune di uno dei settori più caldi della tifoseria del den bosch, è stato fatto bersaglio di lanci di bengala e petardi. Uno di questi scoppiato a pochi metri di distanza.

I giocatori in campo chiedono l’interruzione della gara, e il capitano del Den Bosch, Azizov, accompagna il giovane raccattapalle che piangendo attraversava il campo in lacrime dirigendosi verso gli spogliatoi. La partita dopo pochi minuti è ricominciata regolarmente.

È giunto il momento che contro questo tuo tipo di violenza da stadio si reagisca con pugno di ferro. Non è ammissibile ridurre in pianto di paura e delusione quella che poteva essere l’emozione di un giovane ragazzo impegnato all’esterno del campo, che magari sogna un domani di essere protagonista all’interno del terreno di gioco. Esperienza del genere allontanano i ragazzi dagli stadi. Proprio loro che dovrebbero rappresentare la faccia pulita del futuro di questo sport tanto amato.

Redazione

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.