“Tre Farine”: quando i dettagli fanno la differenza