“Eros e Priapo” di Gadda: fascismo, erotismo, masse e spettacolo