Ce lo meritiamo, il “governo del Presidente”