Charles Bukowski: “I potenti” e il suo realismo sporco