Royal wedding, il futuro (forse) politico della Corona