La Corea del Nord e il gioco di nervi che divide le diplomazie mondiali