Vittorio Sereni: “Le mani”