Genoa, Empoli e Crotone: una poltrona per tre

Con il Palermo che raggiunge matematicamente il Pescara nella serie cadetta, una poltrona per tre rappresenta ancora l’incubo della Serie B per Genoa, Empoli e Crotone.

Sembrerebbe il titolo del sequel di “Una poltrona per due“, commedia dell’84 di Eddie Murphy celebre per esser divenuta con il tempo appuntamento fisso con i palinsesti natalizi delle televisioni italiane. Se così fosse il film del Campionato di Genoa, Empoli e Crotone sarebbe un thriller da vivere a fiato sospeso fino all’ultimo secondo. 180 minuti ancora da giocare, infiniti come la durata di una pellicola impegnativa.

fonte photo: https://www.dailybest.it

Paura Genoa

Il Genoa interpreta il ruolo della comparsa che assume sempre più importanza durante la storia fino a vestire i panni della protagonista. Al termine del girone d’andata in pochi avrebbero pensato che il grifone potesse trovarsi a due giornate dal termine del campionato invischiato nella lotta salvezza e invece la squadra di Juric, calendario alla mano, è forse quella che rischia di più.

GENOA – TORINO
ROMA – GENOA

Situazione complicata per gli undici trascinati da Giovanni Simeone, che nell’ordine affronteranno prima il Toro di Sinisa Mihailovic tra le mura amiche e poi chiamati alla proibitiva trasferta dell’Olimpico con la Roma, che se dovesse già aver abbandonato la corsa al tricolore dovrà ben guardarsi ancora le spalle dal Napoli per la caccia al secondo posto. Determinante a complicare la situazione in casa Genoa  è stata la sconfitta subita al Barbera con il Palermo già retrocesso e che insieme al Pescara attendono la terza compagine a farle compagnia. I tre ipotetici punti conquistati nel prossimo impegno con il Torino, che ha una gran voglia di riscatto dopo i 5 schiaffi presi in casa contro i partenopei, potrebbero non bastare e rimandare il discorso salvezza all’ultima giornata, dove al Genoa basterà un punticino all’Olimpico, che si preannuncia già strapieno per salutare Capitan Totti. Gli uomini di Ivan Juric, allontanato a febbraio e richiamato al posto di Mandorlini dopo appena sei partite, pagano la scelta societaria di privarsi a gennaio di alcuni pezzi pregiati, in primis del bomber Pavoletti, utilizzato con il contagocce a Napoli e che invece ben poteva servire per il rush finale dei rossoblu. Pagano ancora l’infortunio a Mattia Perin, che ha sempre dato tanta fiducia alla retroguardia e la lunga squalifica ad Armando Izzo, coinvolto nello scandalo calcioscommesse.

fonte photo: http://www.primocanale.it

Ora la salvezza del Genoa passa dai gol del figlio d’arte, Simeone, vera rivelazione della Serie A e soprattutto dalla testa della squadra, che pian piano si è ritrovata a disputare da un anonimo campionato ad una vera e proprio corsa a tre.

fonte photo: http://radiogoal24.it/

Situazione Empoli

Mentre ai vertici alti Juve, Roma e Napoli si contendono le prime tre posizioni, nelle zone basse Genoa, Empoli e Crotone si giocano il loro personale scudetto. L’Empoli ricopre l’analoga situazione della Roma, che come detto affronterà all’ultima proprio il Genoa, e mentre tenta di scrollarsi dalle spalle il Crotone dà sempre un occhio a chi la segue.

EMPOLI – ATALANTA
PALERMO – EMPOLI

Tra le tre concorrenti l’Empoli sembra avere il calendario più agevole. Si parte in casa contro gli orobici di Gasperin, ad un solo punto dalla certezza europea del prossimo anno, per finire la stagione al Barbera del Palermo già retrocesso. Nulla di proibitivo, ma a preoccupare i toscani c’è la possibilità dell’arrivo a pari punti con le dirette avversarie. Infatti, nel caso in cui dovesse esserci un arrivo a pari punti che coinvolge le tre squadre questa sarebbe la classifica avulsa: Genoa 7 punti, Empoli  e Crotone 4 punti. A retrocedere sarebbero i toscani, in virtù degli scontri diretti con i calabresi Crotone-Empoli 4-1, Empoli-Crotone 2-1. I Calabresi infatti resterebbero in A con il vantaggio della migliore differenza reti negli scontri diretti.

fonte photo: http://radiogoal24.it/

Troppi calcoli per Mister Martusciello che preferisce invertire la rotta del suo Empoli, così sornione con il passare delle giornate da trovarsi giù in classifica, vincere e levare ogni ombra di dubbio sulla permanenza dei toscani per il quarto anno di seguito tra le grandi. Il suo attacco, il peggiore della Serie A con appena 28 reti, una sola in meno del capocannoniere Dzeko, può contare ora sull’arma in più che proviene dal Golfo di Napoli, Omar El Kaddouri, autore di 3 reti nelle 14 presenze che ha disputato finora con la casacca toscana. Il suo contributo sarà utile insieme alle parate del polacco Skorupski per il raggiungimento di un traguardo che in toscana vivono con grande fibrillazione.

fonte photo: http://www.itasportpress.it/

Il sogno del Crotone

Il Crotone, tra le tre squadre, è l’unica in grado di poter cambiare le sorti di questo thriller e riscriverlo in una favola d’altri tempi. Con le 3 vittorie e i 2 pareggi nelle ultime 5 partite i calabresi vogliono smettere i panni di vittima sacrificale e indossare quelli del protagonista. L’impresa chiamata a compiere non è delle più semplici, considerato che per raggiungere l’obiettivo bisognerà rimandare ancora per una settimana lo scudetto della Juventus, giocarsi tutto in casa contro la Lazio e sperare nelle disfatte di Empoli e Genoa.

fonte photo: http://www.tuttocurve.com/

 JUVENTUS – CROTONE
CROTONE – LAZIO

Lo scudetto del Crotone è appeso ad un sottilissimo filo e passa quindi per lo Juventus Stadium, dove la squadra piemontese vorrà festeggiare la Coppa Italia conquistata in settimana insieme al sesto titolo di Campioni d’Italia di fila. “Non partiamo sconfitti con la Juve, altrimenti non ci imbarcheremmo neppure sull’aereo”, ha dichiarato alla vigilia del match Gianni Vrenna, presidente del Crotone, anche se l’unico precedente tra le due squadre non lascia ben sperare i pitagorici, chiamati a vendicare quel 5 a 0 del 2007. In quell’occasione Del Piero mise a segno una tripletta , la Juve risalì in A e il Crotone scese nell’inferno della C. L’uomo chiamato a compiere l’impresa è Mister Davide Nicola che può contare su una squadra motivatissima e che nelle ultime giornate ha fatto meglio di tutte le altre, 17 punti in 7 gare. Trotta e Falcinelli sono avvisati, il sogno di un’intera città passa dai loro gol.

fonte photo: http://www.goal.com

Pochi registi avrebbero saputo scrivere un finale così avvincente per la lotta alla permanenza in Serie A. Ora la passa agli interpreti e ai tifosi non resta altro che godersi lo spettacolo fino all’ultimo minuto di recupero del film più bello del Campionato.

Giovanni Arrotino

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.