Inès de la Fressange: “la semplicità è sinonimo di eleganza”

Da top model ad icona di stile, Inès de la Fressange racconta la sua idea di eleganza e ci svela qualche segreto

La semplicità è, e rimarrà, un must in qualsiasi circostanza. A maggior ragione se parliamo di moda.
L’ inimitabile Coco Chanel lo diceva già un secolo fa:  «la semplicità è la nota dominante della vera eleganza». A ribadirlo, oggi, un’altra francese: l’ex top model Inès de la Fressange, in passato collaboratrice per la casa di moda Chanel e musa ispiratrice di Karl Lagerfield negli anni ’80. È oggi ambasciatrice della maison Roger Vivier ed ideatrice, insieme alla giornalista Sophie Gachet, di un divertente libro sullo stile parigino “La parigina. Guida allo chic”. Da qui l’idea di voler divulgare lezione di stile tramite l’agenda “Comment je m’habille aujourd’hui?”.

Dal 20 marzo, edito da L’Ippocampo, in libreria vi è anche la versione italiana: “Come mi vesto oggi?”. Questa guida di stile intende rispondere alla fatidica domanda che, ogni giorno, ci poniamo di fronte al guardaroba e ci svela alcuni segreti per ottenere uno stile impeccabile in tutte le occasioni. Modestia, semplicità e capi combinati sono le parole chiave per la parigina icona di stile. Creare outfit dall’unione di capi nuovi con quelli vintage, da quelli griffati e quelli molto semplici, è la strada giusta da percorrere per non cadere nel burrone del cattivo gusto. Inès de la Fressange a tal proposito rivela: «mai vestire griffati da capo a piedi, mostrare la propria ricchezza non è elegante».

Quest’ultimo è un suggerimento che non andrebbe mai perso di vista. Soprattutto in una società come quella in cui viviamo, sottoposta giornalmente agli stereotipi della notorietà e dell’apparenza. Spesso per appagare il desiderio di mostrarsi facoltosi agli occhi degli altri per mezzo di un look vistosamente marcato, si rischia di rasentare il volgare e di dimostrare poca raffinatezza. Bisognerebbe, piuttosto, puntare su di un accessorio più sofisticato, di tendenza, per poi abbandonarsi al casual. Una moda apparentemente aristocratica la sua, che punta alla qualità piuttosto che alla quantità. Il detto latino “melius abundare quam deficere” non fa propriamente al caso suo.  Nel suo ideale di guardaroba non serve avere molti abiti, bensì le cose giuste.

D’altronde chi ha buon gusto e creatività riesce con pochi elementi a creare un look formidabile, puntando sulla qualità. Ciò che davvero conta è lo stare bene con se stessi. Il sentirsi a proprio agio con ciò che si indossa, senza dover necessariamente uniformarsi alla massa.

Tutto questo è Inès de la Fressange: una donna che ha calcato le passerelle delle più grandi case di moda rimanendo al contempo  semplice e attenta alle esigenze di tutti.

Francesca Sallemi

Determinata e volitiva fin da piccola, amo l'umiltà, odio la presunzione e il finto buonismo. Siciliana, classe '94, web writer in erba e studentessa di lettere moderne presso l'università degli studi di Catania.

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta

<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.