Serie B: la Spal a un passo dal sogno, il Frosinone non molla

Verona e Frosinone si contendono il secondo posto. Impazza la lotta play-off e la bagarre in coda si fa caldissima

In una Serie B sempre più combattuta, l’unica certezza arriva dalla splendida Ferrara: tra la Spal e la Serie A c’è di mezzo soltanto la matematica, che ancora non permette all’armata di Semplici di festeggiare. Tuttavia, la favola dei biancazzurri è ormai pronta e resta solo da scrivere il finale. La sfida contro il Cittadella non è stata affatto una passeggiata, tutt’altro, perché l’undici di Venturato si è presentato a Ferrara con la convinzione di potersi giocare le proprie carte. In effetti, la Spal è parsa in difficoltà per larghi tratti della gara, e nonostante ciò è riuscita ugualmente a portare a casa l’intera posta in palio. A Venturato, allenatore di un Cittadella che si vede così raggiungere al quarto posto dal Perugia, non resta che recriminare.

Con 8 punti di vantaggio sulla terza in classifica, quando ormai mancano appena 4 giornate al termine, i “cerbiatti” guidati da mister Semplici potrebbero addirittura festeggiare la promozione in Serie A già nella prossima giornata, che li vedrà protagonisti al Picco di La Spezia. Un traguardo che sembrava irrealizzabile solo pochi mesi fa, ma che giornata dopo giornata è diventato sempre più concreto tanto da poter essere toccato con mano: dopo ben 49 anni, gli estensi si preparano a tornare nell’olimpo del calcio italiano. Tra chi in Serie A ci andrà di sicuro e chi spera di andarci senza passare dai playoff, la sfida si fa combattutissima.

Gianluca di Marzio

Verona e Frosinone continuano il loro duello a distanza e sono di nuovo separate da un solo punto in classifica. I veneti allenati da Pecchia soffrono incredibilmente in casa di un Perugia che, tra le pretendenti ai playoff, è forse la squadra che esprime il miglior calcio. Botta e risposta nel giro di un minuto, con Luppi (V) e Dezi (P) che fissano il risultato sull’1-1. Gli umbri ci provano fino alla fine, ma non riescono a centrare una vittoria che li avrebbe proiettati da soli al quarto posto della graduatoria generale.

Quanto al Frosinone, la squadra gialloblù tra le mura amiche riesce ad avere ragione di uno Spezia che gioca meglio di quanto non dica il risultato finale (2-0 a favore dei ciociari), e che subisce l’ennesima decisione arbitrale sfavorevole. Sullo 0-0 infatti, è clamorosa la svista dell’arbitro Pinzani che non convalida il “gol-fantasma” di Granoche, con la palla che aveva abbondantemente varcato la linea di porta. Gli spezzini escono così sconfitti e si vedono agganciare all’ottavo posto in classifica da un Carpi che nelle ultime giornate appare rivitalizzato.

Lapresse

Gli uomini di Castori piegano in casa un Trapani dai due volti: arrendevole e sottotono nei primi 45’, durante i quali subisce la doppietta di Lasagna, arrembante nel corso di una ripresa dominata in lungo e in largo ma che, alla fine, produce solo un gol. Nonostante la sconfitta, i siciliani restano in lizza nella corsa alla salvezza che li vede tra le compagini più in forma del momento. Ai margini della zona playoff restano appaiate al 9° posto Virtus Entella, Bari e Salernitana.

Mentre i liguri perdono (0-1) clamorosamente in casa contro un Latina che sembrava spacciato e condannato alla retrocessione, Salernitana e Bari “festeggiano” lo storico gemellaggio dividendosi la posta in palio al termine di una gara abbastanza povera di emozioni. Granata e biancorossi ottengono un punto che in realtà non serve a nessuna delle due compagini, che vedono entrambe allontanarsi l’ultimo posto utile per gli spareggi promozione. Se la volata playoff resta ancora tutta da decifrare, la lotta per restare in B è altrettanto serrata.

Il Cesena del tecnico Camplone umilia davanti ai propri tifosi un Benevento sempre più in crisi: incredibile come ogni anno le squadre allenate dal tecnico Baroni soffrano maledettamente l’arrivo della Primavera. Mentre il Benevento resta ad interrogarsi sui motivi di una debacle tanto clamorosa (4-1 il risultato finale in favore dei romagnoli), il Cesena festeggia una vittoria importantissima, che mette i bianconeri in una posizione di relativa tranquillità, a +1 da un Avellino battuto dall’Ascoli dell’intramontabile bomber Cacia.

In piena zona playout, da segnalare l’importantissima vittoria del Brescia che regola in casa propria la Ternana al termine di un finale thrilling, con gli umbri che protestano per il gol annullato a La Gumina per presunto fuorigioco. Esulta il Vicenza, che sorpassa proprio la Ternana in virtù del 3-1 casalingo ottenuto contro un Novara che, probabilmente, con questa sconfitta abbandona definitivamente le proprie ambizioni di partecipare ai playoff.

Lapresse

In coda, pare ormai segnato il destino del Pisa. Gli uomini di Gattuso non riescono ad andare oltre l’1-1 casalingo con la Pro Vercelli, e la retrocessione è per loro ormai ad un passo.

Calciomercato

Classifica dopo 38 giornate: Spal 73, Verona 66, Frosinone 65, Perugia e Cittadella 57, Benevento 55, Carpi e Spezia 54, Virtus Entella, Bari e Salernitana 51, Novara 50, Pro Vercelli 47, Cesena 46, Avellino 45, Ascoli 44, Brescia 42, Trapani e Vicenza 41, Ternana 39, Latina 34, Pisa 33.

Maria Stefania Di Michele

1 Commento

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.