Speechless: trasforma in testo i messaggi vocali WhatsApp

Per tutte quelle volte in cui

Speechless trascrive i messaggi vocali

Quanti di voi utilizzano WhatsApp? Probabilmente si farebbe prima a chiedere il contrario, ovvero chi non utilizza l’app di messaggistica, visto che con oltre un miliardo di utenti attivi ogni mese, si tratta dell’applicazione di messaggistica istantanea più popolare al mondo. Molti avranno tra i contatti (almeno) una persona che spesso e volentieri, anziché scrivere, risponde con interminabili messaggi vocali, più comodi per chi invia, un po’ meno per chi li riceve. Sia chiaro, la mia non è una presa di posizione contro i messaggi vocali, che in molte occasioni possono essere utilissimi e assolutamente da utilizzare, è solo che spesso si abusa dell’attività all’apparenza più semplice.

Questa barriera può però essere aggirata con Speechless, un’applicazione per iOS e Android che si occupa di trasformare in forma testuale gli stessi messaggi vocali, facilitando l’accesso agli stessi in tutte quelle situazioni in cui, per esempio, non è possibile portare lo smartphone all’orecchio per ascoltare il contenuto del messaggio (al cinema, in ufficio, ecc.). L’applicazione viene integrata nei menù di condivisione dello smartphone, e appare ogni qualvolta quello che abbiamo scelto di condividere è un file audio: non solo WhatsApp, Speechless è in grado di trascrivere, per esempio, anche le note vocali registrate direttamente con lo smartphone.

speechless whatsapp

Fonte immagine: MIH83 https://pixabay.com/it/users/MIH83-464187/

Come funziona Speechless

Come già accennato, per avviare la trascrizione di una nota vocale – proseguiamo con l’esempio di WhatsApp – utilizzando l’applicazione Speechless è sufficiente recarsi sull’app di messaggistica, selezionare il messaggio che si vuole avere in forma testuale e scegliere di inoltrarlo: a questo punto sarà possibile accedere alla schermata di selezione dello stesso, perciò dovrete scegliere di visualizzare Speechless tra le prime opzioni per la condivisione. In pochi secondi l’algoritmo che regola l’applicazione trascriverà il messaggio vocale che avete ricevuto.

Elemento fondamentale, la versione Free di Speechless riguarda solo gli audio da max 15 secondi, mentre per audio più lunghi è necessario sotto scrivere l’abbonamento a pagamento di 2.29 euro. Si tratta di uno strumento molto utile per qualsiasi tipo di utente, visto che noi tutti, chi più e chi meno, ci troviamo a volte a ricevere messaggi vocali in cui la metà del tempo è data da “eeeeehhh…”

L’applicazione è disponibile, come detto già sopra, per Google Play su Android, e su iTunes su Apple.

Andrea Careddu

Ho 22 anni e studio Comunicazione alla Carlo Bo di Urbino. Scrivo di Tech e Social Media. Racconto gli eventi dall'interno. Amo la fotografia. Studio Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono @acareddu ovunque o quasi.

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.