Spal in paradiso. I ferraresi tornano nell’olimpo della Serie A dopo 49 anni

I ragazzi di Semplici cadono a Terni, ma festeggiano ugualmente la promozione in Serie A grazie alla sconfitta del Frosinone.

Dopo 49 anni, la Spal raggiunge la Serie A al termine di un’incredibile stagione sportiva. I biancazzurri di mister Semplici possono festeggiare nonostante la sconfitta rimediata a Terni. La contemporanea vittoria del Benevento sul Frosinone, infatti, grazie al gol di Ceravolo giunto in pieno recupero, consegna la promozione matematica ai ferraresi.

La giornata si era messa subito bene per gli estensi, con il vantaggio al 12′ firmato Antenucci. Ma la Ternana, affamata di punti salvezza, non ci sta, e la doppietta di Pettinari in 25 minuti tra il 18′ e il 33′ ribalta il risultato. La Spal prova a rimettere in piedi la partita, con un orecchio alla radiolina: il Frosinone sul campo del Benevento soffre da matti e il risultato è fermo sull’1-1. Ai ragazzi di Semplici basterebbe a questo punto il pareggio per festeggiare la matematica promozione. L’assedio finale sembra non finire mai, e i biancazzurri recriminano a gran voce per la mancata concessione di un calcio di rigore che sembra solare per un fallo di mani sulla linea. Ma il calcio è strano, e mentre i ragazzi in campo protestano, la gioia della panchina e dei 1.900 tifosi ferraresi presenti a Terni li avvisano del gol di Ceravolo: il Benevento è clamorosamente in vantaggio al 93′, il Frosinone è a -4. La notizia spazza via d’improvviso i musi lunghi e lascia spazio all’incontenibile felicità: la Spal è in Serie A.

Spalferrara.it

Semplici piange lacrime di gioia, i giocatori cantano e festeggiano insieme ai propri tifosi. Il presidente Walter Mattioli è incontenibile e viene portato in trionfo dai suoi ragazzi. L’impresa della Spal ha dell’incredibile: con il 18° monte-ingaggi della Serie B, i “cerbiatti” hanno battuto la concorrenza di avversarie ben più quotate con stipendi molto più pesanti. Basti pensare che il Verona, anch’esso a un passo dalla Serie A, ha investito quasi 5 volte più della squadra emiliana.

A Ferrara la festa è già iniziata e andrà avanti a lungo. Piazza Savonarola al 90′ si è ritrovata di nuovo gremita e colorata di biancazzurro a distanza di un anno dai festeggiamenti per la promozione in Serie B. Dalla Lega Pro alla Serie A in appena due stagioni: un’impresa che resterà memorabile, un capolavoro di serietà e progettualità che andrebbe preso d’esempio. Quando si ha la fortuna di avere tra le mani un gruppo di calciatori vincenti, non occorrono rivoluzioni. La storia della Serie B racconta che spesso, per tentare il doppio salto di categoria, basta puntellare con i giusti rinforzi. Senza strafare. La Spal che torna in A dopo 49 anni insegna.

Maria Stefania Di Michele

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta

<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.