Settembre, il mese della svolta per il MoVimento 5 Stelle

Con la pubblicazione del regolamento per eleggere il candidato premier e la sua nomina tra una settimana, l'evoluzione da movimento a partito è ufficialmente compiuta

Sarà un mese che passerà alla storia del MoVimento 5 Stelle, quello di settembre 2017. Ieri sul blog di Beppe Grillo è stato pubblicato il regolamento per chiunque voglia candidarsi come premier, in vista delle elezioni di febbraio 2018. Poche regole, e forse anche un po’ scontate: sostanzialmente, essere un parlamentare (ferma restando la continuità del mandato) 5 Stelle o comunque ricoprire una carica a livello regionale o europeo, la cui conclusione sia previsto entro febbraio 2018. I nomi degli aspiranti premier verranno ufficializzati entro il 18; il premier verrà eletto sabato 23 dagli iscritti al sito (per provare la propria identità, ai votanti viene chiesto di caricare un documento d’identità).

Molto bello il passo in cui, tra i requisiti, si fa esplicita menzione a candidati che “non abbiano tenuto condotte in contrasto con i principi, valori, programmi, nonché con l’immagine del MoVimento 5 Stelle, del suo simbolo e del suo Garante”: adatto a prestarsi a numerose interpretazioni, all’occorrenza. D’altra parte, è difficile pensare a questa votazione online come ad altro da una mera facciata: sono mesi, infatti, che tra le file dei 5 Stelle non si fa altro che parlare di Luigi Di Maio come premier. Sarà quindi interessante leggere i nomi di chi proverà comunque a sfidarlo, dopo un’operazione che rasenta quasi il marketing per spingere sul vicepresidente della Camera. Quanti elettori saranno portati a votare per un altro nome che, nel caso, avrebbe una settimana di tempo per guadagnare la loro fiducia? Se c’è qualcosa in cui i 5 Stelle sono fenomenali, infatti, è fare quadrato attorno a un proprio membro. Ce l’hanno fatta con Virginia Raggi, nonostante le innumerevoli difficoltà in cui la sindaca di Roma è incappata negli ultimi mesi: per Luigi Di Maio, volto conosciuto e fidato, il lavoro sarà ancora più facile.

Strategicamente parlando, una tale capacità di coesione sarebbe addirittura una manna ai fini della governabilità del Paese. Il dubbio semmai resta sempre l’annoso problema della trasparenza dei movimenti all’interno del partito (perché sì, il MoVimento 5 Stelle ormai è a tutti gli effetti un partito). Non c’è bisogno di scomodare derive autoritarie che rievocano un triste passato per l’Italia, come invece è stato fatto: può non sembrare, ma come popolo abbiamo imparato la lezione. A maggior ragione perché, se la legge elettorale che bolle in pentola sarà la stessa con cui si andrà a votare, un’eventuale maggioranza 5 Stelle si ritroverebbe a spartire il potere con un Partito Democratico che, a seconda dei sondaggi, lo tallona o addirittura lo supera – anche se di poco.

E arriviamo così al secondo grande evento del settembre pentastellato: il raduno di tre giorni organizzata a Rimini, il 22, 23 e 24, durante la quale verrà annunciato il candidato premier. Il significato simbolico di tale location, scontato, è funzionale a quel compattamento di cui si è detto sopra: stavolta però riguarda gli elettori. L’annuncio, da leggere tra le righe, è che ormai il MoVimento 5 Stelle è maturo. Dal 2013, quando ha cominciato a muovere i primi passi a livello nazionale, è ormai passata quasi una legislatura e c’è stato tutto il tempo di fare pratica all’opposizione. I candidati pentastellati sono pronti, “hanno studiato”: e, con la proclamazione del candidato premier, settembre sarà il mese in cui verrà ufficializzata questa svolta.

Liliana Farello

Aquilana, classe '93, attualmente studio Relazioni Internazionali alla Sapienza di Roma. Nel mio futuro mi piacerebbe vedere cosa c'è dall'altra parte del mondo, ci sto lavorando.

0 Commenti

Nessun Commento!

Non ci sono ancora commenti, ma puoi prima commentare questo articolo.

Lascia una risposta


Warning: Illegal string offset 'note' in /home/caffecar/public_html/newsandcoffee.it/wp-content/themes/dialy-theme/functions/filters.php on line 223
<

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.