Di Francesco, quando l’avversario più ostico è il pregiudizio