Terremoto: è finito lo spazio per le giustificazioni