Cara Lazio, sei diventata grande