Uno spread di parole (di D. Lorenzetto)
Ce lo meritiamo, il “governo del Presidente”