I trostkysti della rete: il pentimento di Twitter