WhatsApp è l’app di messaggistica più usata in Italia

WhatsApp al primo posto, segue Telegram in grande crescita

WhatsApp e Messenger: dominio Facebook

Qualcuno potrebbe assolutamente dire che “si sapeva” o “non è niente di nuovo”, ma questo post non vuole essere un elogio incondizionato di WhatsApp, anzi. Chi mi legge sa bene quanto da diverso tempo io parli di Telegram, per completezza, come la migliore app di messaggistica istantanea da utilizzare, soprattutto a fine di business. Di fatto però è WhatsApp l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo, con oltre un miliardo e 200 milioni di utenti su scala mensile, perciò è naturale che si parli più di questa applicazione, che di quelle concorrenti.

Poche ore fa è stato pubblicato da Vincenzo Cosenza (aka Vincos) un nuovo report che comunica i dati sull’utilizzo di applicazioni di messaggistica istantanea e chat da parte degli italiani, basati su dati da lui raccolti dai provider. I dati sono relativi a gennaio 2017. WhatsApp risulta, come a livello globale, l’app per chat più usata in Italia, con 22 milioni di utenti attivi ogni mese, con una media di oltre 11 ore di utilizzo nell’arco del mese stesso.

messenger

Fonte immagine: Digitalpfade https://pixabay.com/it/users/Digitalpfade-5169674/

Proseguendo, cercando di stilare una sorta di classifica, troviamo a seguire Messenger, con 15 milioni di utenti. Interessante notare come il tempo di utilizzo mensile sia estremamente inferiore rispetto a WhatsApp, con 1 ora in media al mese, dato probabilmente dovuto al forte utilizzo delle chat di gruppo tipico di WhatsApp.

Seguono Skype e, soprattutto, Telegram

Dopo Messenger troviamo Skype, con 8 milioni di utilizzatori. Il servizio lanciato nel 2003 è stato molto apprezzato ma ora mostra un calo inevitabile, dovuto all’incalzare delle app di messaggistica con processi di registrazione molto più semplici ed immediati e, talvolta, con qualità superiore delle chiamate.

Ancora a seguire, e questo è il dato che trovo veramente interessante, troviamo Telegram, con 3.5 milioni di utenti in Italia, e 2 ore e mezza di utilizzo medio mensile. Il dato mostra una crescita nell’utenza italiana che registra un +150% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, una tendenza positiva – con utenza più attiva nella fascia d’età 15 – 24 anni – che sento di attribuire non solo alla segretezza a cui si riferisce Vincos, ma anche e soprattutto alla maggiore completezza del servizio che, per esempio, offre tutte le funzionalità, in maniera molto accessibile, dall’applicazione per computer e Mac, ma anche ai canali pubblici, che permettono a Telegram, a differenza di WhatsApp, di funzionare come mezzo di informazione da parte di personaggi e su tematiche particolari.

Seguono, ancora, Viber con 1 milione di utenti (in calo), WeChat con 280 mila utenti (in calo anch’essa) e Windows Live Messenger con 150 mila utenti (ancora, in calo).

Andrea Careddu

Ho 22 anni e studio Comunicazione alla Carlo Bo di Urbino. Scrivo di Tech e Social Media. Racconto gli eventi dall'interno. Amo la fotografia. Studio Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Sono @acareddu ovunque o quasi.

1 Commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati*